Ushuaia: da Bologna al fin del mundo


Mostra dedicata alla spedizione organizzata dall'imprenditore bolognese Carlo Borsari in Argentina, nel 1948, che ha dato vita alla città di Ushuaia

Nel 1948 l'imprenditore bolognese Carlo Borsari organizzò una spedizione in Argentina sulla base di un contratto con il Governo argentino per la costruzione di strutture adatte a favorire lo sviluppo della città capitale della Terra del Fuoco.

Fu un evento straordinario, “unico” nella storia dell’emigrazione italiana, pur così ricca di eventi e personaggi. Ne furono protagoniste 1200 persone, lavoratori altamente qualificati e le loro famiglie, provenienti da tutta l’Italia.

La mostra ricostruisce un episodio importante della nostra emigrazione e degli eventi del dopoguerra a Bologna e dà così un contributo al recupero della memoria e all'approfondimento della storia del Novecento, necessari, sia per agire con maggiore consapevolezza sui problemi attuali dell’immigrazione, sia per una più ricca formazione storico-culturale delle giovani generazioni.

La presente mostra e il libro allegato sono stati presentati per la prima volta a Bologna nella Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio, nel novembre 2008.

 

Approfondimenti
 Video - Reportage

Per la rubrica #EmilianInFuga della trasmissione "Aria Pulita", Alberto Maio è sulle tracce degli emiliani che lasciarono l'Italia nel 1948 alla ricerca di una vita migliore. In questa puntata si arriva alla fine del mondo: Ushuaia, Argentina. Video realizzato e curato da Alberto Maio, per Seven Gold Emilia-Romagna. Guarda il video

Video documentario

Nel 1948 l'impresa Borsari di Bologna, con i materiali portati dall'Italia, costruì i nuovi quartieri della moderna Ushuaia con ospedale, scuola, centrale idroelettrica e strade. Le costruzioni di allora sono ancora tutte abitate

Reportage della RAI per il programma "La storia siamo noi"