FROM
TO
La biografia di una donna del secolo scorso viene reimmessa nel flusso del tempo presente, traducendone l’identità personale in memoria storica collettiva, finalmente in una prospettiva di genere.

Veronica nasce a Montescudo il 9 settembre 1885.

Si sposa con Pietro Lazzarini, raggiungono l’Argentina il 9 febbraio 1907, a bordo del vapore “Formosa”. Tra le poche cose trattenute da Veronica per quel lungo viaggio senza ritorno, il vestito di nozze e un quadro dove sono ritratti i genitori, Vincenzo e Filomena Rambelli.

Si stabiliscono a Viedma, hanno sei figli. E lì, nella terra lontana ed evocativa di Patagonia, si sono radicati generazione dopo generazione i Guiducci.

Gli ultimi due figli sopravvissuti di Veronica – Maria e Marcela Catalina, la prima nata nel 1915, la seconda nel 1924 – hanno tenuto a testimoniare questa storia familiare alla nipote Rebeca Belloso.

Il quadro con i genitori di Veronica, in particolare, è stato tolto dalla cantina dove riposava per esserle donato. In questo modo, altamente simbolico, la memoria familiare è stata trasferita a una generazione più giovane.

E l’esperienza di quella lontana emigrazione può essere assunta come significativa per la vita presente.

Fonte: Testo di Gabriela Belloso


 

Biografia contenuta nel "Catalogo dell'emigrazione femminile" (2010) promosso dalla Consulta degli emiliano romagnoli nel mondo. 

L’idea di un Catalogo dell’emigrazione femminile dell’Emilia-Romagna nasce durante la Conferenza dei giovani emiliano-romagnoli nel mondo, svoltasi a Buenos Aires nel 2007.

TESTIMONIANZE E PERSONAGGI